Il podcast

Cos'è La Dinamica

A seguito di un incidente in montagna quante volte sentiamo, di fronte alle — spesso poche — informazioni disponibili, frasi quali “Come si fa a essere così stupidi?”, “Ma cosa pensavano di fare?” e magari anche “Io non avrei mai fatto così!” o l’immancabile “Montagna assassina”.
A posteriori, da fuori, è molto più facile giudicare che imparare. 

Imparare da un incidente è difficile, richiede umiltà ed empatia nei confronti di chi  si sforza di analizzare gli errori compiuti, attraverso il racconto di quello che vissuto in prima persona.

Il formato degli episodi è quello dell’intervista, attraverso la quale i narratori riflettono su ciò che è andato storto e su ciò che hanno imparato; non c’è giudizio, derisione o critica, solo una conversazione franca e aperta che aiuta i protagonisti e gli ascoltatori, allo stesso modo, a imparare e crescere dagli incidenti per ridurre al minimo i rischi in futuro.
L’intento di questo podcast è quindi quello di “insegnare con gli esempi”, ascoltando le storie negli gli episodi un filo conduttore emerge chiaramente: le persone ripetono spesso gli stessi errori, che a volte sorprendono per la loro banalità.
Interrompere questo ciclo può salvare delle vite.

Forse vale quindi la pena di fare uno sforzo per cambiare il paradigma con il quale spesso oggi approcciamo gli esiti degli incidenti in montagna, un paradigma che si basa sul nascondere i nostri errori e provare vergogna o imbarazzo per quanto accaduto.
Cambiarlo è quello che cerchiamo di fare con questo podcast, ma per farlo c’è bisogno della partecipazione di chi, avendo subito un incidente, la pensa come noi. Se sei tra questi, non esitare a contattarci per partecipare al podcast.

Chi sono

Non è mica facile definirsi, quando si parla di montagna e del ruolo che ricopriamo al suo cospetto. 
Se proprio dovessi azzardare una breve descrizione direi che sono un onesto mestierante della montagna. La frequento in tutte le stagioni e ci pratico un po’ tutte le attività più diffuse, anche se la sua veste che preferisco è quella ammantata di bianco, e possibilmente con due sci sotto ai piedi.
A pensarci bene non è molto, per decidere di fregiarsi del titolo di “creatore” di un podcast che parla di un argomento così delicato come gli incidenti in montagna. A dire il vero la “sindrome dell’impostore” mi ha tenuto a lungo lontano dal far nascere questo progetto che meditavo da tempo, fino a quando ho realizzato che il mio ruolo non sarebbe stato altro che di intervistatore e curatore tecnico di uno spazio che in realtà è a disposizione di tutti, non è il “mio”.

Quando riterrò che qualche argomento trattato in un episodio meriti un approfondimento, anche magari su richiesta degli ascoltatori, inviterò qualcuno che abbia i titoli per parlarne.

 

 

Fabio Gava